Banksy perde il copyright.

UE: “l’anonimato non può essere identificabile come proprietario”

Una sentenza dell’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) ha stabilito che il famoso street artist Banksy, noto per il suo impegno civile e sociale, non può pretendere i diritti di sfruttamento di una delle sue opere più famose.

The Flower Thrower“, apparsa su un muro a Gerusalemme nel 2005 raffigura un manifestante mascherato pronto a lanciare un mazzo di fiori.

Banksy aveva depositato un marchio per questa immagine presso l’Unione Europea nel 2014.

Infatti aveva denunciato la Full Colour Black, un’azienda di biglietti di auguri, perché aveva usato l’immagine per una cartolina da mettere in vendita.

Se il marchio può essere registrato da chiunque, per esercitare il copyright l’autore deve dichiarare in prima persona di essere il proprietario dell’opera“. Questa la motivazione dell’EUIPO.

Fonti: The Guardian The Times 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *