Dcpm, le proteste esplodono in tutta Italia

Scontri e guerriglie urbane da Torino a Catania la scorsa notte.

In migliaia in piazza da Milano a Napoli, Palermo, Torino, Roma. Non si ferma la rabbia dei commercianti e dei titolari di palestre penalizzati dal nuovo Dpcm.

Proteste in tutta Italia dopo l’ultima stretta legata al Dpcm che prevede, tra l’altro la chiusura dei locali dopo le 18 e lo stop a palestre e attività sportive.

Alcune manifestazioni sono state pacifiche e dimostrative, come quella dei tassisti a Torino che hanno occupato piazza Castello.

Cremona i ristoratori hanno battuto le pentole davanti alla prefettura e poi le hanno lasciate a terra come fosse un cimitero di stoviglie a testimoniare la morte del settore ristorazione.

Si sono verificati, tuttavia, episodi di guerriglia e vandalismo un po’ dovunque.

A Catania hanno tirato bombe carta davanti alla prefettura, mentre a Milano, Napoli e Torino ci sono stati scontri.

Lancio di molotov e fumogeni contro le forze dell’ordine, e devastazione e saccheggio di negozi in pieno centro a Torino.

Cresce la preoccupazione di infiltrazioni destabilizzanti dell’ordine civile.

Fonti: AGI ANSA crediti foto: ANSA/MATTEO CORNER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *